Skip to content

MEDICINA DEL TERRITORIO E RECOVERY PLAN UN’OPPORTUNITÁ DI CAMBIAMENTO

Date

16 Lug 2021

Time

10:30 - 13:00

L'evento è finito

Programma

Comunicato StampaPresa in caricocompleta, collaborazione ospedale, medici di famiglia e pediatri di libera sceltae condivisione dati clinici, solo cosìsarà possibile rinnovare la medicina del territorio”

Comunicato Stampa – Recovery Plan le Associazioni dei pazienti a confronto per una migliore gestione dei fondi

Rassegna Stampa

Documento di Sintesi

Il ruolo del MMG in Italia e il confronto con il modello ispanico-portoghese

Pier Luigi Bartoletti, Vice Segretario Vicario FIMMG

 

Ruolo di gatekeeper e contrattualizzazione dei MMG e PLS

Valdo Flori, Segretario FIMP Toscana

Giovanni Leoni, Vicepresidente FNOMCeO

Il modello casa della salute in Emilia-Romagna

Valentina Solfrini,  Direzione Generale Cura della             Persona, Salute e Welfare, Servizio Assistenza Territoriale, Area    Farmaci e Dispositivi Medici, Regione Emilia-Romagna

 

 

Il modello territoriale del Veneto

Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità e al Sociale, Regione del Veneto

 

 

Recovery Plan e desiderata dei Cittadini

Paolo Bandiera, Direttore Affari Generali AISM

Anna Lisa Mandorino, Segretario Generale Cittadinanzattiva

Marcello Grussu, Coordinamento Diabete Italia e Presidente Aniad

Andrea Vianello, Presidente A.L.I.Ce. Italia ODV

Il ruolo e necessità degli Infermieri del territorio

Cosimo Cicia, Vicepresidente FNOPI

 

IL ruolo delle farmacie di servizio

Giovanni Petrosillo, Presidente Federfarma-Sunifar

 

Specialistica e presenza nel territorio

Gianni Amunni, Direttore Generale ISPRO, Regione Toscana

Come riorganizzare una ASL/Città secondo il PNRR

Carlo Picco, Commissario ASL Città di Torino

 

 

Chi forma chi e che cosa

Massimo Andreoni, Direttore Dipartimento di Medicina dei Sistemi Università degli Studi di Roma“Tor Vergata”

Francesco S. Mennini, Professore di Economia Sanitaria e Economia Politica, Research Director-Economic Evaluation and HTA, CEIS, Università degli Studi di Roma“Tor Vergata” –  Presidente SIHTA

Giuseppe Turchetti, Professore di economia e gestione delle imprese, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

 

Il PNRR grazie soprattutto ai fondi del Recovery Plan destinati dalla UE nel progetto Next Generation UE, stanzia circa 10 miliardi per ricostituzione ed implementazione della medicina territoriale nel nostro paese. L’Home Care, le Case di Comunità, gli Ospedali di Comunità e le centrali di coordinamento sono gli assi su cui poggia la nuova medicina extraospedaliera con gli obiettivi di una presa in carico completa e possibile ed una trasversalità vera e non solo dichiarata tra ospedale e territorio. Parte degli obiettivi da raggiungere in tre anni sono frutto del lavoro già in essere in alcune regioni, come le case della salute o le strutture intermedie, altre quali l’assistenza domiciliare che vada oltre l’ADI sono da costruire così come l’uso progressivo della tecnologia come la telemedicina. Alla base del progetto sta anche, ma non solo, un nuovo rapporto con la Medicina di Famiglia ed i Pediatri di Libera Scelta ed un rilancio del Distretto Socio Sanitario già compreso nella legge 833. Aspetto critico su cui sarà necessario lavorare rapidamente è la connessione tra tutti gli attori di sistema per la condivisione dei dati clinici, che oramai diventa un punto non più rimandabile per la riuscita del nuovo progetto organizzativo.  Per gettare il cuore oltre l’ostacolo da parte di tutti i futuri attori del cambiamento, in primis gli Infermieri e le Farmacie del territorio, ma anche per esaminare la similitudine tra la prossima medicina territoriale e le altre realtà europee, Motore Sanità organizza un webinar con la partecipazione di coloro che ne saranno gli artefici, a partire dai cittadini obiettivo della ricostituzione della salute nel territorio legata si all’ospedale ma anche al socio-assistenziale.