DALLA BIOLOGIA MOLECOLARE ALLA TERAPIA DI PRECISIONE – IL FAST TRACK DI UNA ONCOLOGIA PERSONALIZZATA

Ora locale

  • Fuso orario: America/New_York
  • Data: 08 Mag 2019
  • Ora: 03:30

Luogo

Bologna
Hotel Bologna Fiera - Piazza della Costituzione, 1
QR Code

Data

08 Mag 2019

Ora

09:30

DALLA BIOLOGIA MOLECOLARE ALLA TERAPIA DI PRECISIONE – IL FAST TRACK DI UNA ONCOLOGIA PERSONALIZZATA

Programma

Invito Stampa

Comunicato stampa

Documento di sintesi

Rassegna stampa

 

 

SLIDES

Mattia Altini, Direttore Sanitario Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori Meldola

Michelangelo Fiorentino, Responsabile Struttura Semplice Laboratorio Patologia Molecolare Oncologica e Trapianti, Università di Bologna

Carmine Pinto, Direttore Struttura Complessa di Oncologia, Azienda USL IRCCS, Reggio Emilia

Valentina Solfrini, Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare, Servizio Assistenza Territoriale, Area Farmaci e Dispositivi Medici, Regione Emilia-Romagna

La nuova frontiera dell’oncologia si chiama medicina di precisione che come dimostrano studi recenti è in grado di migliorare le percentuali di sopravvivenza a fronte di un’ottimizzazione della spesa per i farmaci grazie all’utilizzo delle terapie mirate solo nei pazienti che ne possono beneficiare, evitando inutili tossicità ed i ricoveri in ospedale.
I progressi nel campo della genomica sono resi possibili dal recente sviluppo di nuove piattaforme che consentono di effettuare il sequenziamento di un più ampio numero di geni rispetto ai metodi precedenti, con tempi ridotti per l’analisi e un aumento della sensibilità, con lo scopo di identificare le mutazioni corrispondenti a specifici bersagli molecolari su cui scegliere i farmaci mirati.
Questo scenario implica anche la creazione di nuovi modelli organizzativi incentrati sulla collaborazione di tutti gli specialisti coinvolti: i Molecular Tumor Board, cioè team multidisciplinari che possano garantire l’integrazione e il confronto tra le diverse figure professionali coinvolte (oncologo, biologo molecolare, genetista, anatomo-patologo e farmacologo) che, grazie alla loro esperienza, permettano una corretta interpretazione dei dati genetici e molecolari e la scelta della strategia terapeutica adeguata.
A livello politico-amministrativo si evidenzia la necessità di riconoscere il valore e assicurare l’equità di accesso a queste piattaforme all’interno del SSN e la possibilità da parte del sistema di valutare le soluzioni economicamente più vantaggiose.

Comments are closed for this article!